fbpx
|

Ristrutturazione Giardino: tutti prodotti e gli arredi da giardino necessari

Ristrutturazione giardino: chi ha il grande vantaggio di avere un giardino, può godere di uno spazio davvero rigenerante. Non è nemmeno necessario che il giardino sia particolarmente grande. Ciò che conta è che sia strutturato in maniera funzionale, pratica, ordinata, che sappia gestire gli spazi in modo utile e confortevole. Per fare tutto ciò, potrebbe essere necessaria una ristrutturazione. Niente paura però, perché ristrutturare non significa necessariamente demolire e ricostruire, ma può voler dire semplicemente arredare in modo diverso cambiando spazi ed elementi. È esattamente quello che vedremo in questa guida, nella quale suggeriremo diversi complementi di arredo che possono davvero fare la differenza tra un semplice spazio all'aperto e un giardino per momenti rilassanti.ristrutturazione giardino

La guida per rifare il giardino

Il giardino è uno degli spazi più importanti di una casa. Un bel giardino curato, accogliente e confortevole può fare la differenza e può trasformare una bella giornata di sole in una splendida festa, in un pranzo con amici e parenti sotto un gazebo, in una rilassante lettura di un buon libro all’aria aperta. Sfruttare al meglio le potenzialità del tuo giardino è fondamentale in quanto stare all’aria aperta e godersi il verde di un prato curato, l’ombra di un patio, la comodità di un bel salotto in legno di alta qualità, la freschezza di una piscina attrezzata con tutti i comfort sarà rinfrancante per lo spirito e per la mente e renderà indimenticabili le tue giornate primaverili ed estive.

Il giardino necessita però di cure amorevoli e costanti e non c’è niente di meglio di rammodernarlo, decorarlo e arredarlo secondo il proprio gusto e la propria personalità. Aquilani, dall’alto dei suoi 50 anni di esperienza nel settore, ti offrirà tutte le soluzioni per rivoluzionare il tuo giardino e per renderlo il fiore all’occhiello della tua casa, per renderlo unico, vivibile, sfruttabile e inimitabile.

Di seguito vedremo alcuni consigli utili per la ristrutturazione del giardino. Ci sono numerosissime soluzioni come pergole, grigliati, panchine in legno, fioriere che si possono utilizzare per valorizzare ad esempio una veranda, uno spazio largo, un viottolo e per ciascuna di queste soluzioni potrai contare su prodotti italiani e su materiali di altissima qualità e sulla professionalità e competenza dei nostri collaboratori. In modo che tutto ciò che desideri per trasformare il tuo giardino e per renderlo parte di te diventi realtà.

Ristrutturazione giardino: i principi da seguire

Come abbiamo detto, per cambiare l'aspetto ma anche la fruibilità di uno spazio esterno, può bastare di inserire in giardino alcuni complementi di arredo. Non è necessario nemmeno rivolgersi ad un architetto di esterni per fare un buon lavoro. Ci si dovrà però attenere ad alcune regole semplici ma importanti.

Come prima cosa si dovrebbe avere bene in mente l'obiettivo che si vuole raggiungere. Ciò significa che si deve sapere in anticipo esattamente come si vuole ristrutturare il giardino. Si vuole arredarlo con uno stile particolare? Benissimo, allora si dovranno selezionare gli arredi ad hoc, e tutti uguali tra loro. Si vuole costruire un percorso in giardino? Benissimo, allora si dovrà cercare una pavimentazione adeguata. Si vuole curare anche l'aspetto delle piante da guardare magari seduti su una nuova comoda panchina in legno? Altrettanto bene, a patto che si impiantino fiori ed alberi in modo che siano visibili.

La cosa fondamentale però che si dovrebbe sempre ricordare è che i complementi di arredo devono essere adeguati allo spazio. Non vale il principio per il quale più cose si mettono in giardino migliore sarà l'effetto. Al contrario, il risultato sarà solo una confusa accozzaglia di oggetti e stili che a lungo andare potrebbe anche rendere fastidioso il passare del tempo in giardino. Lo stesso principio vale anche per i giardini molto grandi.

Se è vero che arredare un terreno più ampio richiede per forza di cose la presenza di più elementi, è anche vero che questi devono essere pensati e concepiti con un ordine architettonico pulito e lineare, per non creare confusione. Inoltre, non si deve fare l'errore di credere che più piccolo il giardino è più sia facile arredarlo. È vero infatti il contrario. Tutto ciò considerato, andiamo a vedere nel dettaglio quali sono i principi che dovrebbero guidarvi nel progettare un giardino che sia il più grazioso ed accogliente possibile, per poi passare a suggerirvi degli elementi di arredo specifico da inserirvi.

Ristrutturazione giardino: le regole base della ristrutturazione

Possiamo indicarvi alcuni punti che possono servire da traccia per rifare il giardino. Spesso infatti è facile farsi prendere dallo sconforto e lasciar perdere perché non si sa come procedere. Non demordete, perché il risultato invece potrebbe essere spettacolare. Ecco cosa dovreste tenere a mente:

Progettate un giardino in linea con il vostro quartiere

Quando dovete cambiare l'arredamento all'interno di una stanza in casa, cosa fate come prima cosa? Vi guardate intorno e acquistate un nuovo mobilio in modo che si intoni a quello già esistente, o alle tende o al colore delle pareti. Per il giardino vale la stessa regola. In che quartiere vivete? C'è molto verde? Il vostro giardino è visibile all'esterno o c'è un muro di cinta? Vivete in campagna o in città? In questo secondo caso per esempio non potete far oltrepassare alle piante il confine che dà su strada, altrimenti sareste responsabili di tutto quello che accade qualora dovesse, ad esempio, cadere un ramo. Cercate di valutare l'impatto che il vostro nuovo giardino potrebbe avere sull'architettura dell'ambiente circostante e cercate di pensare anche, ma non esclusivamente, a come abbellire il quartiere stesso.

In caso di piante scegliete quelle adatte

Sarebbe molto bello piantare in giardino un pino maestoso sotto il quale ripararsi d'estate. Non fatelo! Non c'è pianta peggiore da installare in un giardino tra l'altro adiacente casa e soprattutto in casi di presenza di vialetti in cemento. Il pino infatti struttura le sue radici in orizzontale, e non dà preavviso in caso di cedimenti. Potreste ritrovarvi con il pavimento nuovo divelto. Allo stesso modo se vivete in una zona molto fredda, evitate di piantare alberi o fiori che soffrono il clima rigido. Scegliete quindi la vegetazione in linea con il clima e le condizioni del giardino;

Scegliete degli arredi in linea con l'abitazione

Stesso discorso dovreste farlo con lo stile di casa. Se avete una casa ultramoderna, potrebbe stonare un giardino giapponese. Se avete una casa rustica, ad esempio in campagna, sarebbe molto bello un giardino all'inglese. Nonostante questo, si può anche giocare con gli accostamenti, a patto di sapere come fare.

Pensate a come verrà usato il giardino

Un altro aspetto da considerare nella ristrutturazione del giardino è quello dello scopo del vostro nuovo spazio. Avete dei bimbi? Pensate di arredarlo con dei giochi all'aperto tutti per loro. Volete invitare le vostre amiche per il tè? Strutturatelo con un gazebo per l'outdoor, con delle strutture in legno e panchine adeguate. Il giardino è molto ampio e volete pensare ad uno spazio per l'auto perché vivete in città e non sapete dove parcheggiare? Progettate un box auto in un angolo dedicato. Volete usarlo per fare ginnastica o yoga all'aria aperta? Pensate ad un patio riparato dove stendere il tappetino. Il concetto è quello di costruire un giardino in linea con le vostre esigenze, e non di adeguarvi voi ad uno spazio che non vi si addice.

Delimitate bene il giardino

Con questo ci riferiamo ai confini, soprattutto se il giardino dà su una strada pubblica, ma anche se vivete in campagna. Predisponete un muretto (che potrete anche sbizzarrirvi a progettare) o quantomeno una rete. Questo vale specialmente per evitare intrusioni non gradite. Predisponete anche una siepe in modo che il giardino diventi a tutti gli effetti il vostro spazio privato; 

Mettete un gazebo o un patio

Valutate sempre di inserire, spazi permettendo, un patio o un gazebo. Questo vi permetterà di abbellire il giardino ma avrà soprattutto un valore protettivo. Potrete infatti godervi il giardino sia d'inverno se dovesse piovere, sia d'estate quando il sole scalda troppo. Veniamo adesso alla progettazione degli spazi. Una volta capito come va ideato il giardino, è utile procedere praticamente. Vediamo come.

Progettazione della ristrutturazione del giardino

Disegnare la pianta del giardino

Armatevi di un foglio e procedete. Potreste anche avvalervi del computer. Non preoccupatevi perché non si tratta di nulla di difficile, anzi al contrario. Questo suggerimento serve per facilitarvi il compito. Il consiglio è molto utile poi per chi fa fatica a visualizzare qualcosa prima che sia pronta. Ci sono persone infatti che hanno la capacità di lavorare via via con uno schema ben preciso in testa che lo guida. Disegnare invece il giardino con quello che vorreste metterci vi aiuta molto nella fase esecutiva. È sufficiente prendere a modello un foglio bianco che sia però in scala.

Misurate la pianta considerando quindi solo la parte calpestabile, come si fa in casa. Ciò vuol dire che per calcolare l'ampiezza del giardino in termini di arredi da metterci, non dovete considerare il muro di cinta ma nemmeno eventuali siepi o fontanelle.

Prese le misure, provate a giocare (e in questo il computer è utile) posizionando una panchina virtuale in un angolo e valutando che effetto vi fa. Poi provate a spostarla sullo schermo da un'altra parte e vedete se lo preferite. Andate dunque avanti così sino a che non avrete riempito (ma non troppo) il giardino. Solo a quel punto potrete capire se gli arredi sono troppi o troppo pochi, se sono disposti a casaccio o se hanno un ordine regolare e così via. Considerate l'esposizione e la direzione da cui arriva eventualmente il vento, calcolate dove sorge e dove tramonta il sole, calcolate dove volete mettere le piante, il gazebo, le panchine in modo da avere sempre luce ma non le intemperie.

Ristrutturazione giardino: come dovrebbero essere gli arredi

Veniamo adesso ad alcune regole di base che possono aiutarvi a scegliere gli arredi giusti nella ristrutturazione del giardino. Come dovrebbero essere? Vediamolo insieme:

  • made in Italy: ebbene si, è sempre bello poter contare su un prodotto di alta qualità. Lo scopo della ristrutturazione che andrete a fare infatti è quello di un giardino che duri a lungo. Non avrebbe senso poi acquistare prodotti di bassa qualità e di provenienza non certa;
  • di legno impregnato. Questo senza dubbio è un requisito obbligatorio se volete mettere in giardino arredi in legno. Si tratta infatti di materiale trattato appositamente per gli esterni. Il trattamento rende il legno adatto a stare all'aria aperta e lo mantiene integro nel tempo anche se spesso a contatto con pioggia, umidità, sole e sbalzi di temperatura;
  • del colore giusto: avete mai sentito parlare della cromoterapia? È la scienza che studia l'effetto del colore sull'organismo, ed è dimostrato che ogni colore stimola alcune funzioni. Se volete un giardino stimolante ed allegro, magari pensato per i bimbi, scegliete colori sui temi del giallo e dell'arancione, che stimolano le funzioni vitali. Se volete un giardino rilassante, scegliete colori sul tono del verde e dell'azzurro, che rilassano;
  • progettate l'illuminazione: questa è una cosa alla quale a volte non si pensa, se non quando è troppo tardi. Immaginate la situazione. Ristrutturate il giardino e quando vi apprestate a godervelo tramonta il sole e non avete pensato al sistema di illuminazione. Cosa fare se non ricominciare il lavoro daccapo? Progettate lampioncini preferibilmente a LED e luce fredda, che oltre a consumare poco donano alle piante quel suggestivo colore bianco. 

Veniamo adesso ai consigli nella ristrutturazione del giardino su quali elementi di arredo potreste mettere in giardino e quali caratteristiche hanno.

Il gazebo da giardino

Il primo elemento da considerare in un giardino è il gazebo. Sceglietelo naturalmente made in Italy e in legno trattato per esterni. Il gazebo può diventare realmente il cuore del giardino, se scelto con cura. Ve ne sono naturalmente di diversi tipi e forme, coperture e steccati. Il principio per la scelta è sempre quello indicato all'inizio di questa guida: deve essere parte integrante del giardino, adeguato nelle misure e nello stile. Niente rende un giardino regale e maestoso quanto uno splendido gazebo, costruito e arredato accuratamente. Se vuoi trasformare radicalmente il tuo spazio esterno rendendolo a tutti gli effetti un prolungamento della tua abitazione, ciò a cui non puoi rinunciare è allestire un gazebo dove passare le tue giornate e le tue serate da solo o in compagnia, arredandolo come meglio credi a seconda delle tue esigenze e dei tuoi gusti.

Il gazebo però non ha solo un valore estetico, ma possiede una grande capacità funzionale. Grazie al gazebo infatti si possono arredare ampi spazi in un momento. Immaginate di gustare un delizioso aperitivo con le vostre amiche sotto il gazebo d'estate.

Ancora, immaginate un pranzo di famiglia alla domenica con tutti i vostri cari sotto questa struttura.
E che dire di un lavoro svolto sotto l'ombra del gazebo come una coperta a maglia o anche la stesura di un business plan per l'ufficio? Di gazebo poi ce ne sono per tutti i gusti, dal più semplice al più classico al più lussuoso. In questo conta il vostro gusto.

Volete infine un buon motivo per mettere un gazebo in giardino? Ve ne possiamo dare diversi:

  • è estetico: un gazebo di legno è molto più bello di uno in ferro. Inoltre, si integra bene con diversi tipi di arredo già presenti in casa;
  • è funzionale: resiste bene al tempo e all'usura grazie ai trattamenti che vengono previsti;
  • è ecocompatibile: i gazebo in plastica, oltre ad essere esteticamente poco gradevoli, impattano sull'ambiente in termini di inquinamento, mentre il legno non ha questo svantaggio, 
  • è economico: il rapporto qualità prezzo è di certo superiore agli altri materiali, perché in rapporto ad un prezzo più basso offre una qualità più elevata;
  • facile da manutenere: se il legno è stato trattato bene in fase di lavorazione, avrà bisogno davvero di pochissima manutenzione.

I gazebo possono essere infine di diverse misure, e potrete scegliere quella più adatta alle vostre esigenze in base alle caratteristiche dello spazio che avete a disposizione.

Avete presente un gazebo in legno? Si compone di una struttura le cui delimitazioni (che chiudono l'area coperta) possono essere fatte come una staccionata dritta, sulla quale in genere si agganciano le fioriere, o come un arco, che creano un effetto in stile arabo alla struttura stessa.
Questo aspetto è dato proprio dal modulo detto 'grigliato', cioè una parte del gazebo che crea la finestra.

Fioriere in legno

A proposito di fioriere, considerate anche di abbellire il vostro giardino con dei supporti in legno, sempre pretrattato, che contengano fiori. Non c'è niente di più bello dei fiori per dare colore ed unicità ad un giardino che si voglia abbellire. Quando si è detto legno impregnato ci si riferisce ad un procedimento fatto in autoclave che dona al materiale, come potrebbe essere il pino, una resistenza nel corso del tempo agli agenti atmosferici.

Le fioriere possono essere posizionate sia sotto il gazebo stesso che lungo un ideale percorso progettato in giardino. Possono essere posizionate agli angoli del giardino o incorniciare un pergolato o ancora seguire il percorso in ciottoli ricavato a terra. La fantasia è davvero l'unico limite applicabile come metro di misura.

Pergole in legno

Un altro elemento d'arredo molto consigliato, che sia sempre made in Italy e in materiale impregnato, sono le pergole. Provate a visualizzare un pergolato sul quale attecchisca una rigogliosa buganvillea o si inerpichi una florida vite. Ancora, provate a pensare a voi stesse che leggete un libro sotto un pergolato decorato da edera secolare che vi protegge dal sole e vi regala una fresca serata. Questo è possibile proprio scegliendo questa struttura esclusiva.

Il pergolato ha delle specifiche diverse da quelle richieste dal gazebo. Si usa infatti come naturale estensione di un grande terrazzo ad esempio, per creare zone d'ombra e decorative. Si piazza in genere dopo un porticato, a differenza del gazebo che è meglio posizionare in giardino e lontano dall'abitazione. Sotto il pergolato potrete poi mettere delle panchine in legno munite di soffici cuscini dove passare ore in completo relax.

Grigliati in legno realizzati su misura

Abbiamo parlato di strutture che hanno delle misure più o meno standard. C'è però un modulo che costituisce quelle stesse strutture con il quale potreste giocare per cerare degli ambienti su misura per voi. Si tratta dei grigliati in legno. Cosa sono? Avete presente quei pannelli che compongono il gazebo? Si tratta proprio di quelli. Possono avere, come abbiamo detto, la finestra rettangolare o ad arco, e si possono posizionare uno dopo l'altro a creare dei perimetri personalizzati.

Immaginate di aver creato uno spazio in giardino pavimentato in legno. In questo caso potreste voler piazzare delle panchine di legno per creare un angolo lettura. Diversamente, sopra quel pavimentato di legno, potreste voler ricavare uno spazio yoga all'aperto, magari perché siete un'insegnante che vuole organizzare dei corsi, o semplicemente perché volete fare esercizio all'aria aperta. Il grigliato fa al caso vostro, perché mettendo una struttura dopo l'altra potrete, e sarebbe in effetti il caso di farlo, delimitare quell'area in maniera esteticamente valorizzata.

Casette in legno

Continuiamo la carrellata degli arredi suggeriti per abbellire il giardino con le intramontabili casette di legno. Come abbiamo già detto non c'è limite alla fantasia, a patto che si rispettino delle buone regole di progettazione. Quindi potete anche combinare i vari elementi che vi abbiamo suggerito per creare il giardino dei vostri sogni. In questo spazio però non dovrebbe mancare una casetta di legno. Vediamo tutti gli usi che se ne potrebbe fare:

  • ripostiglio per gli attrezzi da giardinaggio. Un giardino bello è un giardino curato, ma anche gli attrezzi da giardino stessi devono essere risposti con ordine. La casetta in questo caso, poiché ce ne sono naturalmente di diverse misure, rappresenta lo spazio ideale. Qui potrete riporre vasi, rastrelli, ma anche fioriere in attesa di essere usate e tutti i prodotti che usate per il giardinaggio che, soprattutto se ci sono bambini e cani, dovrebbero essere sempre tenuti sotto chiave;
  • il vostro angolo dove fare bricolage: un altro uso molto frequente delle casette di legno è quello del bricolage. Se avete un hobby, come potrebbe essere quello di dipingere o di costruire piccoli oggetti in ceramica, potete strutturare la casetta come il vostro laboratorio personale. Qui potrete non solo riporre tutti gli attrezzi che vi servono, ma potrete fisicamente lavorare in tutta tranquillità senza essere disturbate;
  • l'angolo di vostro marito dove fare falegnameria: se vostro marito ha l'hobby della falegnameria, valutate di posizionare in giardino una struttura tutta per lui. Questo vale non solo per una questione di ordine, ma anche di rumorosità. La falegnameria, e più in generale la costruzione o la riparazione di piccoli oggetti, può risultare infatti particolarmente rumorosa. In questo modo invece vostro marito non disturberà nessuno e potrà dare libero sfogo alla sua arte. Potrebbe anche montare un comodo pannello degli attrezzi a parete;
  • l'angolo dei vostri figli: infine, chi meglio dei vostri figli potrebbe apprezzare una casetta di legno in giardino? Pensate alla meraviglia di poter giocare fingendo di vivere in un altro mondo, pensate alla creatività che solo i più piccoli possono mettere in atto. Pensate però all'eventualità che i vostri figli, crescendo, vogliano mettersi a suonare uno strumento come la batteria. Con qualche piccolo accorgimento ed insonorizzazione, la casetta di legno potrebbe essere già pronta come sala prove. 

Pavimenti in legno

Abbiamo citato più volte la pavimentazione in legno per l'esterno. Anche questo è un elemento d'arredo molto interessante da considerare. Tra l'altro questo tipo di arredo può essere utile anche per chi deve ristrutturare uno stabilimento balneare. In linea di massima però serve per pavimentare proprio le strutture che vi abbiamo presentato in precedenza.

Posizionare un gazebo in giardino potrebbe richiedere infatti una pavimentazione preliminare laddove il terreno sotto il gazebo fosse dissestato o magari soggetto ad impregnarsi di fango in caso di pioggia. La particolarità di queste pavimentazioni è che sono strutturate in listoni, che vengono poi montati ed assemblati a piacimento. La migliore tecnologia in merito ai pavimenti per esterni oggi è quella di iDecking Revolution: www.idecksystems.com.

Si possono usare anche per pavimentare dei viali ed arrivare fino a cancello se intorno ci sono molte piante o alberi. Si possono usare per pavimentare terrazzi fatiscenti che invece di essere ristrutturati ex novo (con il lavoro e i costi che comporterebbe) possono essere abbelliti in poche mosse.

Infine, il pavimento di legno è ottimo qualora abbiate una piscina in giardino. Il legno infatti, soprattutto se è impregnato in autoclave, risulta impermeabile all'acqua della piscina, e fornisce un ottimo piano antiscivolo che rende sicuro questo spazio. Infine, il legno assicura anche la corretta traspirazione ed evita pericolosi ristagni di acqua con batteri e funghi.

Panchine in legno

Un altro elemento di arredo immancabile è la panchina. Non pensate che la panchina serva solo per sedervi, perché questi complementi possono avere anche altre due funzioni, cioè estetica e di riempimento. La panchina potrà essere posta naturalmente sotto il gazebo o il pergolato, ma anche collocata lungo punti specifici del giardino dove potrete riposarvi durante una passeggiata specialmente se il giardino è molto ampio. Potete poi scegliere il modello che più si addice al vostro giardino, preferendo uno stile più moderno o più classico.

Considerate poi che ci sono delle panchine con fioriere implementate sui lati. Questo rappresenta senza dubbio un tocco originale e unico per il vostro giardino. Se le panchine in metallo possono essere suggestive, quelle di legno sono senza dubbio bellissime e si integrano meglio nel contorno di un giardino con piante, specialmente se prevedono la disposizione di fiori.

La manutenzione del legno trattato

Un ultimo accenno va fatto alla manutenzione del legno trattato di cui sono fatti gli arredi citati.
Si è detto che il legno viene impregnato in autoclave, procedimento che lo rende più resistente al tempo e soprattutto agli agenti atmosferici.

Tuttavia, anche queste strutture hanno bisogno di essere in qualche modo 'coccolate', soprattutto se volete che la vostra ristrutturazione duri a lungo e non si rovini. Non c'è niente di peggio che un bel giardino realizzato con arredi che mostrano macchie, usura, o peggio siano rovinati. Ecco allora alcuni utili consigli che possono far durare ancora più a lungo il vostro spazio verde:

  • Proteggete gli arredi: se dovete assentarvi per un lungo periodo come nel caso delle vacanze, coprite gli arredi co dei teli traspiranti. Questo naturalmente vale per le panchine e per le fioriere ma anche per il gazebo. La copertura delle strutture ha soprattutto una valenza di protezione dagli animali. Come si è più volte specificato, il legno impregnato ha una difesa contro gli agenti atmosferici. Questo però non lo protegge dagli animali che potrebbero, come nel caso degli uccelli, sporcarlo;
  • coprite gli arredi: in caso di lunghe giornate piovose, come potrebbe capitare in autunno, sarebbe bene proteggere il legno dall'acqua e dall'umidità. Ribadiamo infatti ancora una volta che il legno impregnato giova di accortezze che possono farlo durare ancora più a lungo. Basta usare dei teli, togliere i cuscini dalle panchine la notte e ritirare il telo che copre il gazebo per dare ai vostri arredi una vita più lunga;
  • attenzione al cane e al gatto: se avete progettato il vostro giardino per goderlo anche in compagnia del vostro migliore amico a quattro zampe, fate comunque attenzione a non dargli troppo spazio. I gatti tendono ad affilarsi le unghie sulle superfici, mentre i cani, specialmente se cuccioli, potrebbero mordere le zampe delle panchine. In questo caso è bene educarli, affinché non danneggino esteticamente gli arredi. Il legno infatti non si rovina solo per gli agenti atmosferici. Pensate che brutto effetto farebbe una panchina tutta graffiata;
  • pulite gli arredi: anche il legno va pulito, certamente. Non si tratta di usare prodotti aggressivi, ma di una normale manutenzione di decoro. Usate uno straccio pulito per togliere la polvere dalle sedute quando il legno è asciutto. Detergete il legno se dopo una forte pioggia è rimasto tutto bagnato. Sarà sufficiente passare un panno assorbente per togliere l'acqua in eccesso, specialmente dai punti dove potrebbe ristagnare e diventare un nido perfetto per le zanzare.

Il legno impregnato: cos'è e come farlo durare

Abbiamo parlato di impregnazione del legno. Può essere utile sapere come vengono realizzati questi prodotti che vi consigliamo caldamente.

In genere per costruire elementi di arredo si usa il legno lamellare. Tuttavia, quando questi complementi sono destinati all'esterno, possono rovinarsi a causa di freddo che li restringe, di caldo che li dilata e umidità che li fa marcire. Si usa pertanto un trattamento specifico in autoclave, e lo si usa soprattutto per quegli arredi come il gazebo, il pergolato e le travi che sostengono queste strutture. Il trattamento fa sì che il prodotto penetri nella struttura del legno stesso.

Non si tratta però di una vernice, che resta comunque abbastanza superficiale, ma di un trattamento che in qualche modo si fonde con la struttura, ed è per questo che la rende più resistente. Fate particolare attenzione alla muffa. Il legno impregnato è protetto, è vero, ma questo non vale per quegli angoli che si creano tra le strutture stesse. Pensate ad esempio ad una zona in cui difficilmente arrivate a pulire e dove tende ad accumularsi la muffa. Questa spora può essere fastidiosa ed antiestetica, oltre che pericolosa per i vostri animali e per chi è allergico. Cercate quindi di passare un panno pulito su tutte quelle parti fatte ad angolo, o a conca, o che raccolgono naturalmente l'acqua.

Un'ultima annotazione per gli insetti cosiddetti 'xilofagi' Si tratta di minuscole creaturine che mangiano il legno e a lungo andare possono creare cedimenti. Controllate una volta l'anno o due la struttura, per verificare che non vi siano fori sospetti. Una volta che avrete preso tutte le precauzioni, potrete godervi il vostro nuovo meraviglioso giardino.

 Contattaci per preventivo/assistenza

Ho preso visione dell' Informativa Privacy e presto il consenso al trattamento

Invia

WHATSAPP

Whatsapp

327.4146358

INFO LINE

Telefonaci

0761.1741191